AZIENDA
  • ZAROTTI
  • ZAROTTI
  • ZAROTTI
  • ZAROTTI
  • ZAROTTI

Zarotti buono come…


La famiglia, la bontà, la cura per la qualità, la creatività e la semplicità dell’autentica tradizione alimentare italiana sono il nostro “capitale sociale”. Per noi, un’azienda, è la somma delle singole persone che la fanno funzionare, è l’insieme delle loro storie, delle loro esperienze dei loro successi e delle loro passioni. Persone che vengono da mille strade diverse e che hanno saputo armonizzare antica tradizione conserviera, filosofia commerciale e alta competenza nell’individuare i luoghi dove si pesca il meglio. La gestione familiare e l’avvalersi di professionisti selezionati accuratamente, crediamo sia uno dei nostri punti di forza più importanti. Oggi, innovare, non è solo fare qualcosa di nuovo ma anche fare sempre meglio quello che abbiamo sempre fatto. La qualità…non passa mai di moda.

L’azienda


La nostra storia nasce sulla Costa del Cilento culla del buon cibo semplice mediterraneo, dove ha sede la principale unità produttiva; negli anni ’90 poi prosegue a Parma nella Food Valley, fulcro dell’eccellenza alimentare mondiale, con l’acquisizione della Zarotti una delle più prestigiose firme di filetti di alici di alta qualità.
La sede di San Marco di Castellabate (SA), è un moderno stabilimento dotato di tecnologie all’avanguardia da cui si dipana la complessa filiera produttiva esclusivamente artigianale. Artigianalità e tecnologia sono due concetti all’apparenza antitetici ma che, al contrario, garantiscono tutta la bontà dei prodotti Zarotti che, controllando direttamente tutte le fasi del ciclo produttivo, dalla pesca alla commercializzazione del prodotto finito, ci consentono di tutelare la nostra eccellenza.



La nostra Mission…


“Vorremmo essere l’azienda di conserve ittiche che più delle altre “salva dall’estinzione” la tradizione artigiana e la trasferisce con competenza sul mercato italiano ed estero con le più moderne modalità e con la continua innovazione sia mantenendo l’assoluta naturalità e sostenibilità, sia diffondendo la vera e propria cultura del prodotto a 360° presso le nuove generazioni.” Giovanni Palmieri